Le regioni del tè

Per iniziare ad orientarsi tra le specificità dell'isola la prima grande diversificazione da tenere in considerazione è tra piantagioni di alta quota (High Grown, 2700 m - 1200), media quota (Mid Grown, 1000 m - 600 m) e bassa quota (Low Grown, 600 m - 0 m). Solitamente infatti, il tè prodotto sulle montagne è più delicato, leggero e produce un infuso chiaro e brillante, mentre mano a mano che si scende di quota l'infuso diventa più corposo, intenso e i sapori si fanno sempre più ricchi e aromatici, fino ad arrivare alle note scure e quasi sapide dei tè cresciuti a livello del mare. Si può affermare senza dubbio che se fosse possibile piantare lo stesso identico seme di tè ad ognuna di queste diverse altitudini, si otterrebbe una pianta dalle caratteristiche organolettiche diverse, ed è su questa base che sono state individuate sette regioni agro-climatiche principali, che incarnano appieno l'unicità nella diversità che caratterizza il tè di Ceylon.

  • Nuwara - Eliya. Altitudine: 1800-2700 m.  Stagione d'oro: gennaio-febbraio
  • Dimbula. Altitudine: 1200-1800 m.  Stagione d'oro: febbraio-marzo
  • Uva. Altitudine : 1200-1800 m. Stagione d'oro: agosto-settembre
  • Uda- Pussellawa. Altitudine 1200- 1800 m . Stagione d'oro: dicembre- gennaio e luglio-settembre
  • Kandy. Altitudine: 500-1200 m . Stagione d'oro: tutto l'anno.
  • Sabaragamuwa . Altitudine 800-1200 m  . Stagione d'oro : tutto l'anno
  • Ruhuna. Altitudine: 600-0 m. Stagione d'oro tutto l'anno

Tratto da "L' Isola del Tè, viaggio dalla piantagione alla tazza" di Valeria Vicentini